Immagine ambientata

Immagina di avere riscaldamento, raffrescamento e acqua calda sanitaria da fonte rinnovabile, il tutto attraverso un unico sistema per ridurre al minimo gli ingombri garantendo sempre e comunque ottime prestazioni. Includendo, ciliegina sulla torta, la connettività! Troppo in un solo colpo? No, questo è possibile grazie a Genus Hybrid Flex in Net di Ariston: questa soluzione, prodotto di punta fra i sistemi ibridi da incasso,  permette di rispondere alla doppia esigenza dell’edilizia moderna di garantire adeguate coperture da fonte rinnovabile (d’obbligo in base alle normative) e di limitare al minimo gli ingombri pur mantenedo le performance su un alto livello qualitativo.

[line]Cosa prevede il servizio di connettività ?[line]

Il servizio di connettività incluso permette di gestire l’impianto a distanza rendendo unico questo prodotto fra tutti quelli disponibili sul mercato. L’impianto inoltre è predisposto* per il monitoraggio a distanza dal centro di assistenza tecnica di fiducia, pronto ad intervenire tempestivamente da remoto in caso di imprevisti (in alcuni casi anche facendo ripartire l’impianto), con un intervento prioritario e notifica contestuale sullo smartphone. Il risultato è un notevole risparmio di tempo e denaro. Ancora, il gestore di sistema Sensys (incluso di serie) permette di tenere sotto controllo l’intero impianto monitorando i consumi, di effettuare una programmazione oraria e settimanale, nonché di impostare i costi dell’elettricità e del gas (indispensabili per una gestione efficace dell’impianto).

[line]Come si compone il sistema Genus Hybrid Flex in Net di Ariston? [line]

L’innovativo sistema proposto da Ariston prevede, integrati all’interno di un unico cassone, la caldaia Genus Premium EVO IN System 25 kW con una pompa di calore (che funziona fino a -20 °C e riesce a coprire gran parte della richiesta di riscaldamento, massimizzando così l’investimento) e un bollitore da incasso da 150 litri. Con l’aggiunta all’esterno del cassone della sola unità esterna. Il tutto viene gestito con la massima efficienza da una centralina, l’energy manager, che sceglie il generatore più performante da attivare in base alle condizioni esterne e la richiesta di calore interna. In questo modo, può essere attivata la pompa di calore, la caldaia, oppure entrambi i generatori secondo le necessità di ottimizzazione per raggiungere il massimo risparmio. Completano ed arricchiscono il sistema dei kit ad hoc che permettono di ottenere diverse configurazioni: sarà ad esempio possibile gestire due zone solo caldo o una zona caldo/freddo con sistema di distribuzione con uno o due emettitori.

Senza titolo-1

*Il servizio di teleassistenza è soggetto alle condizioni contrattuali tra CAT ed Utente Finale
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *