prato balconi

Siamo ancora in piena pandemia, ma questo anno tanto difficile qualcosa ci ha già insegnato: piccola o grande che sia, la casa è il fulcro del nostro benessere. Lo abbiamo imparato nei lunghi e difficili mesi del lockdown totale, esperienza che speravamo di aver finalmente messo da parte e che invece si ripropone sistematicamente fra zone rosse e picchi di circolazione del virus. E così da un po’ di tempo la vita casalinga è diventata il nostro maggior svago, fra un aperitivo improvvisato ed una rilassante lettura all’aria aperta. Non sempre è facile però ritagliarsi angoli di vero e proprio relax, soprattutto quando i metri quadrati a disposizione sono pochi e gli spazi esterni paiono studiati con il contagocce. Poco male, può bastare un piccolo balcone ben attrezzato per sopperire alla mancanza di lussuosi spazi verdi, anche perchè il verde possiamo portarlo fino all’ultimo piano senza troppi patemi. Balconi, piccoli terrazzi e grandi spazi aperti sui tetti sono infatti i candidati ideali per un tappeto di erba artificiale: vuoi mettere la bellezza di sentire sotto i piedi un soffice prato sintetico calpestabile di qualità, senza la necessità di dedicare energie e risorse alla manutenzione? Un’idea originale ed ecologica, bella tutto l’anno.


Erba come vera, a manutenzione zero

Scordatevi finti tappeti color verde improbabile, negli ultimi anni l’erba sintetica si è evoluta tantissimo, tanto da essere ora del tutto simile al manto erboso naturale e capace di ingannare anche l’occhio più esperto. I lati positivi sono tanti, partendo dall’assenza di irrigazione (con conseguente notevole risparmio di acqua, che fa bene tanto al portafoglio quanto all’ambiente), fino alla resistenza ad ogni condizione atmosferica. Senza dimenticare i vantaggi per chi soffre di allergie, problema che spesso ci impedisce di godere dello spazio all’aperto come vorremmo. Lo sapevate che fra i principali responsabili delle riniti stagionali c’è proprio il polline da graminacee? Con l’erba artificiale potrete finalmente sorseggiare una birra al fresco senza fastidiosi raffreddori da fieno, un vero paradiso!

E poi c’è la bassissima manutenzione, che rende questa soluzione perfetta anche per i pollici più neri e per chi proprio non ha tempo da dedicare al giardinaggio. Tutto quello che dovrete fare per mantenere al meglio il vostro prato artificiale è utilizzare di tanto in tanto un piccolo rastrello per eliminare la sporcizia che giace in superficie e lavarlo una volta a settimana per rimuovere la polvere.


Un angolo di relax facile facile


Il nuovo trend vi ha convinti e non vedete l’ora di trasformare il balcone in un’oasi verde? Lasciatevi ispirare dalle idee che ho raccolto per voi: non serve molto per dare vita ad un angolo unico e super accogliente, dove trascorrere le ore più piacevoli della giornata. Al tappeto erboso basterà aggiungere un divanetto da esterno con morbidi cuscini, uno sdraio o un comoda poltrona in rattan, un paio di candele, qualche vaso con piante verdi, fiori e profumate erbe aromatiche, un piccolo tavolino per un comodo appoggio. A questo punto manca solo più un buon bicchiere di vino e tutto sarà perfetto!

| Design Therapy – My Pinterest |

2 commenti
  1. Lucia
    Lucia dice:

    Sai che a volte ci avevo pensato all’erba sintetica per il mio balconcino piccolo e strettissimo (stretto tipo quello della prima foto ma più corto)?
    O erba sintetica o un pavimento in legno per esterni, per renderlo un po’ più carino e originale, proprio perché strettissimo.
    La pavimentazione originario è in cotto, ma vecchissimo, credo risalga all’anno di costruzione dell’appartamento cioè primi anni ’60.

    Non ne ho mai fatto di niente perché temevo ci volesse più manutenzione e anche che ristagnasse umidità sotto la copertura. Di questo cosa ne dici? Non si forma umido o ristagno d’acqua tra il pavimento originale e l’erba sintetica?
    Visto che la superficie è minima potrei provare senza fissarlo, mettendo solo qualcosa di pesante ai lati. Tavolino minuscolo e sedia ce li ho già, basterebbe aggiungere qualche vaso con fiori.

    Lucia

    Rispondi
    • Manuela - Design Therapy
      Manuela - Design Therapy dice:

      Ciao Lucia, se il balconcino ha la giusta pendenza e non ti ha mai dato problemi di ristagno d’acqua, dovrebbe essere lo stesso una volta sistemato il tappeto erboso. L’importante è scegliere un manto sintetico di qualità con le corrette caratteristiche drenanti. In ogni caso se il tuo balconcino è piccolo piccolo e hai in mente di posizionare vasi agli angoli puoi certamente provare senza fissaggio così da capire se è quello che fa per te. A presto (e attendo foto del lavoro finito :D), Manuela

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *