Il mio report della lunga giornata milanese alla scoperta del Salone del Mobile inizia da qui, dallo stand di un’azienda che conosco molto bene e che apprezzo da tempo (ricordate, vi parlai di loro già qui). Sono passata da Doimo Salotti con la certezza che avrei trovato quello che stavo cercando: un divano di qualità, comodo e moderno, perfetto per l’intera famiglia. Perchè, fra le tante cose in lista da fare e vedere in un giorno solo, c’era anche la ricerca di spunti interessanti per un progetto in corso, una ristrutturazione completa finalmente giunta alla scelta degli arredi.


Un divano al centro della casa


Appena varcata la soglia dell’elegante stand, il divano Baltic mi ha letteralmente conquistata. A partire dalla raffinata e super trendy tonalità terracotta scelta per l’allestimento, ma non solo ovviamente. Ecco un divano che sembra nato per accogliere chiacchiere e relax, per lunghe domeniche davanti ad una partita, per serate fra cinema e popcorn. Qualcuno in casa non esiterà a schiacciarci un pisolino, altri (come capita a me tutte le sere) lo trasformeranno in ufficio improvvisato dove lavorare al pc con un occhio all’ultima serie tv.

Baltic è un pratico divano in tessuto che non prescinde dall’alta qualità che contraddistingue l’azienda, capace di resistere al turbine delle attività giornaliere grazie alla solida struttura fatta di acciaio e legno. Un divano comodo e dedicato al relax, con sedute rese soffici dal molleggio e dall’imbottitura in misto piuma.

Non potevo certo resistere dal testare tanta accogliente morbidezza, e così mi sono seduta anch’io su Baltic, regalando per un po’ di tempo riposo alla mia schiena affaticata da una giornata di intense camminate fra gli stand. In effetti cuscini e braccioli, caratterizzati dall’anima in poliuretano espanso ricoperto da un  trapuntino in misto piuma, erano un chiaro invito al relax. Come la seduta a strati (poliuretano, molle e trapuntino misto piuma) , tanto comoda che non me ne sarei più andata!

| Credits: Doimo Salotti |

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *