Quest’anno casa mia si è riempita di ghirlande Natalizie; realizzarle è stato come anticipare la magia del Natale, con il profumo di pino ed eucalipto sempre più intenso, le candele accese a farci compagnia, qualche attimo per noi da gustare con estrema lentezza. Vi ho già mostrato il nostro calendario dell’avvento, impresa che ha richiesto più lavoro e fatica del previsto, che finalmente troneggia orgoglioso in salotto. Ma non so stare ferma a lungo, soprattutto in questo periodo intenso, eccomi qua con una nuova ghirlanda: questa volta la protagonista è lei, regina indiscussa delle feste, la Stella di Natale.


Le stelle di Natale quest’anno non potevano che essere fresche e candide come la mia casa addobbata a festa


Non so resistere alla stella di Natale, la regalo e me la regalo spesso perchè è una pianta che da sola sa scaldare l’atmosfera. Amo le nuove sfumature, quelle che vanno dal rosa pallido al bianco più glaciale, ma non disdegno di tanto in tanto il classico rosso vivo. Adoro i loro nuovi formati mignon di questi fiori versatili, solitamente li sistemo in piccoli bicchieri per poi metterli qua e là negli angoli più belli, fra pinetti decorati e tanti gingilli festosi. Per questo Natale ho deciso di puntare su una decorazione di sicuro effetto nella sua semplicità. I protagonisti? La mia vecchia scaletta (un vero evergreen), un filo di luci scintillanti, una struttura circolare in metallo, qualche ramo di eucalipto e ovviamente un paio di splendide stelle di Natale bianchissime.

Realizzare queste ghirlande natalizie mi rilassa e riempie di gioia, le preferisco a tanti decori venduti nei negozi perchè trasmettono l’emozione ed il calore che solo le cose fatte a da sè sanno regalare. Ho posizionato la corona accanto alla vecchia scaletta, proprio là dove lo scorso anno troneggiava il calendario dell’avvento. Perchè io sono fatta così, amo sperimentare, cambiare, decorare secondo l’ispirazione del momento; sposto gli oggetti dentro casa in continuazione, adattandoli di volta in volta al mio estro creativo. Che dite, vi piace il mio nuovo angolo Natalizio?

Se volete realizzare un’addobbo simile, non dimenticate che il fiore fresco ha bisogno di acqua per sopravvivere: procuratevi delle semplici fiale in plastica per fiori recisi, vi basterà sistemare il gambo a mollo per garantirgli una durata extra e mantenere bella la vostra ghirlanda a lungo.

Anche Sfigatto pare aver gradito le nuove decorazioni, per il momento le rimira e rispetta silenzioso… durerà tanta devozione?

| Questo post è scritto in collaborazione con Okaidi, ma le parole e le opinioni sono 100% made in Design Therapy |


Ami come me il Natale? Scopri tutta la sezione del mio blog dedicato al periodo più bello dell’anno!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *