Quest’estate siamo stati in vacanza in Provenza. Non era la prima volta e non sarà l’ultima, soprattutto considerando il fatto che non sono mai riuscita a vedere la lavanda in fiore. Tuttavia non mi dispiace affatto visitare e vivere questi luoghi al di là della bellezza travolgente del campi di lavanda. Perchè puoi assaporare lentamente lo spirito di questa terra. E  poi perchè lo stile di vita slow che tanto la contraddistingue è ancor più intenso a fine agosto, quando i turisti iniziano a diradare ed il senso di deliziosa decadenza ti lascia qualcosa nell’anima impossibile da cancellare.


Una casa in perfetto stile provenzale, con accenti industrial chic e quel sapore retrò che la rende unica


Abbiamo soggiornato in una winery fresca fresca di ristrutturazione, un mix perfetto di stile provenzale, tocchi industrial e angoli country davvero raffinati. Non il solito shabby chic, ma una combinazione decisamente più originale. Ogni dettaglio era incredibilmente ricercato, ma  lontano dal sembrare esagerato od artificioso. Rilassato direi che è il termine più appropriato per indicare la splendida atmosfera che aleggiava in questo cortile chiuso, sul quale si affacciavano i cinque appartamenti. Ci siamo divertiti, abbiamo camminato tanto e degustato più di un aperitivo nei nostri pic nic improvvisati vicino alla piscina. Abbiamo scritto qualche altra riga della nostra storia, qualche bella riga piena di risate, chiacchiere infinite, parole su parole fino allo sfinimento. Da lunedì si torna a scuola, per noi è il vero capodanno. Nuovo giro, nuova corsa!


Photo  – Manuela Occhetti Design Therapy | Home Domaine des Peyre

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *