LA CASA PASSIVA

Immaginate di poter riscaldare la vostra casa senza l’uso di termosifoni, stufe o quant’altro. Immaginate un’abitazione ecosostenibile dove grazie ad un super isolamento delle pareti e del tetto il calore non possa disperdersi verso l’esterno. Ecco, questa è la casa passiva. Si tratta precisamente di un edificio  che assicura il benessere termico senza o con una minima fonte energetica di riscaldamento interna all’edificio proprio per il fatto che sfrutta al meglio il calore del sole che penetra attraverso le superfici vetrate e utilizza i guadagni termici che derivano dalle attività umane svolte tra le mura.







 Underhill House è la prima casa passiva certificata in Inghilterra e si tratta di un progetto di non comune bellezza, nato sulle rovine di un fienile vecchio di 300 anni nella zona di Cotswolds. Frutto di un progetto dell’architetto Helen Seymour-Smith, la casa è letteralmente  scavata nella collina così da garantire il minimo impatto ambientale e sfuttare al meglio le proprietà termiche del terreno.



















La struttura è realizzata in calcestruzzo lasciato esposto internamente per sfruttare al meglio i vantaggi termici, ha una vetrata rivolta a sud, che aiuta l’accumulo di calore, ed è altamente isolata nel pavimento, tetto e nelle pareti. Essa ha anche un sistema di ventilazione meccanica per fornire un’eccellente qualità dell’aria e recupero di calore ad alta efficienza.







 Molto creativa (ed allo stesso tempo efficace nel contenere la dispersione sonora data dal cemento a vista)  è stata la scelta di utilizzare in serie dei pannelli acustici di diversi formati. L’architetto ha progettato dei pannelli curvi che vanno a contrastare la spigolosità dell’abitazione dando così vita ad uno spazio più che accogliente.

















































 











Prendete spunto da: l’esposizione a sud delle vetrate per il massimo accumulo di calore, la tettoia fotovoltaica che garantisce autosufficienza energetica, l’uso di pannelli acustici isolanti come decorazione, l’integrazione perfetta del nuovo nel vecchio.

 (The AI passivhaus , Seymour-Smith Architects)

 

Condividi l’articolo
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *

Ho letto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali - Privacy Policy






4 + 1 =